Covid, via al vaccino per tutti: mobilitate anche le farmacie

Fonte: www.lastampa.it
30/11/2023

Le adesioni sul portale della Regione: in calo la media dei contagi a Biella

Da questa settimana chiunque lo desideri può ricorrere alla vaccinazione contro il Covid: a stabilirlo è una circolare della Regione. In precedenza ne avevano diritto solo gli over 60 e le categorie fragili. Per poter accedere alla vaccinazione è sufficiente dare la propria preadesione sulla piattaforma ilpiemontetivaccina.it. Per quanto riguarda Biella il centro vaccinale dell’ospedale di Ponderano sarà aperto tutti i giovedì dalle 13,30 alle 16,45 e i venerdì (escluso l’8 dicembre in cui resterà chiuso) dalle 13,30 alle 14,45. I vaccini anti covid sono disponibili negli ambulatori dei medici (se vaccinatori), come il vaccino anti-influenzale. Coinvolte anche, per entrambe le vaccinazioni, le farmacie: nel Biellese quelle in cui sono disponibili i vaccini per combattere il coronavirus sono a Biella la Farmacia Gilliola, la Farmacia del Vernato, la Farmacia San Filippo e la Farmacia San Paolo Rolly, a Sagliano la Farmacia Valeggia, a Pollone la Farmacia Ferraris, a Candelo la Farmacia Robiolio e la Farmacia San Lorenzo, a Mongrando la Farmacia Monticello e la Farmacia Centrale, a Bioglio la Farmavia Del Conte, a Vigliano la Farmacia San Giuseppe e a Valdilana la Farmacia Varesio e Sgrignani. A essere inoculato sarà un vaccino che si avvale delle nuove formulazioni monovalenti di quello Comirnaty, adattate alle nuove varianti del virus Sars Cov2. La dose di richiamo è raccomandata a distanza di 6 mesi dall’ultima dose di vaccino ricevuta o dall’ultima infezione, a prescindere dal numero di volte in cui si è avuto il Covid. Come già spiegato nelle prime fasi della campagna è possibile la co-somministrazione dei nuovi vaccini aggiornati con altri vaccini, in particolare quello antinfluenzale, la cui inoculazione gratuita è però riservata soltanto agli aventi diritto, quindi ai biellesi di età pari o superiore a 60 anni, ai bambini dai sei mesi ai sei anni, ai soggetti fragili o a chi è destinato a venire in contatto con chi presenta patologie ad alto rischio di complicanze.

La campagna vaccinale, finita l’emergenza pandemica, ha molto rallentato, anche se i contagi da coronavirus sarebbero in aumento, spingendo molti a provvedere al nuovo richiamo: questo anche se la situazione biellese resta sostanzialmente stabile. La media delle infezioni giornaliere nella settimana dal 15 al 24 novembre, a Biella, è stata di 28, con nei sette giorni monitorati un totale di 197 casi, che fanno segnare per la provincia un lieve arretramento (meno 9 infezioni): l’unico territorio in Piemonte, insieme a Vercelli, in cui il Covid segna il passo, con un sensibile calo rispetto alla settimana prima, in cui il numero totale era balzato a 242.


Notizia visualizzata: 1337 volte